Nov 30, 2011 - 4tu disco, 4tu libro    No Comments

C’è stato un momento in cui avevo finito anche le lacrime però ne volevo ancora….4tu ©

C’è stato un momento in cui avevo finito anche le lacrime però ne volevo ancora…le ho chieste alla “testa” ma era innondata… sono andato dal cuore ed era prosciugato…volevo prenderle dal tuo viso e l’ho trovato asciutto..avevo pianto anche per te, solo allora l’ho capito e ho ricominciato a vivere con un sorriso… 4tu © (© dal mio libro ”22.50/ 8.01 : una notte a frugare nelle mie tasche”) ..

Nov 27, 2011 - Senza categoria    No Comments

All’assalto della luna -(tratto dal “ad est dei miei sogni”)

quando ci raccontano una storia in realtà ci vogliono insegnare qualcosa….una bella morale che ci dovrebbe guidare a non rifare gli stessi errori, a comportarci bene, a essere socialmente utili, a rispettare il prossimo, a vivere nella comunità..in poche parole ci danno delle regole da seguire sotto forma di favolette per addolcirci la pillola…e ci dicono che la vita è la stessa cosa..quindi se ho capito bene io dovrei patire necessariamente per arrivare al “vissero tutti felici e contenti”…(anche se ultimamente hanno capito che qualcosa non torna eh…infatti fanno sempre il seguito!!)..a me sta cosa comunque non sembra un’affare….quindi la storia che vi racconterò io non ha una morale, sono semplicemente due persone che se ne fregano se vengono visti dagli altri come pazzi….anzi è quello che vogliono…si godono l’oggi e vi assicuro che non si pentiranno domani perchè vivere “giocando” è un peccato solo per chi non lo sa fare….4tu ©
ecco com’è nata la canzone “All’assalto della luna”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”

Nov 27, 2011 - 4tu disco, 4tu libro    No Comments

é l’una e fuori piove..(dal cd “ad est dei miei sogni”) 4tu ©

c’è che a volte di dormire proprio non ne hai voglia perchè ti assale una solitudine bastarda che arriva sempre nei momenti in cui dovresti salutare il vecchio giorno dicendogli “a mai più!!” e invece ti ritrovi a pensare per l’ennesima volta sempre alle stesse cose di cui ormai conosci nome e cognome..e hai anche provato a mettere una selezione all’ingresso dei tuoi pensieri, ma chissà come mai LEI riesce sempre e entrare…te la trovi lì davanti, sorridente e tutto scompare….allora accendi la tv per spegnerLA…ma ti senti soffocare a stare chiuso dentro una stanza..hai voglia di spazi aperti, di qualcosa che non ti possa contenere, dove poter disperderti…….e pensi che lì fuori c’è una luna che non giudica e una strada pronta ad accoglierti…. ecco com’è nata la canzone “é l’una e fuori piove”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni” clicca qui per ascoltare la canzone: é l’una e fuori piove>

Nov 26, 2011 - Senza categoria    No Comments

Ovunque sei (dal cd “Ad est dei miei sogni”) 4tu ©

(OVUNQUE SEI)..alcuni sentimenti sono una condanna..piacevole …ma anche no!dipende come al solito da che punto si guarda da come si vive una cosa, da quello che fai che spesso mica è uguale a quello che vorresti fare e viceversa…..”ovunque sei INEVITABILMENTE lì mi troverai…”…e su questo “inevitabilmente” si potrebbe parlare per ore..inevitabilmente perchè te ne freghi se è giusto o sbagliato l’esserci sempre per qualcuno… tu sai che ci sarai….e ti possono dire di lasciar perdere ma tu ci sarai….ti possono dire che stai perdendo del tempo e che tanto andrà a finire male ma tu sei “curioso” e vuoi vedere con i tuoi occhi in che vicolo cieco andrai a fermarti… per dopo tornare indietro? non sia mai!!!..non ci arrendiamo neanche di fronte all’evidenza..sappiamo che è sbagliato ma lo facciamo…sappiamo che perderemo ma lo stesso ci proviamo…noi non arretriamo ma inseguiamo quello che la notte sognamo…gli altri scappano?..e noi viviamo….4tu

ecco com’è nata la canzone “Ovunque sei”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”

clicca qui per ascoltare la canzone: Ovunque sei>

Nov 24, 2011 - 4tu disco    No Comments

4tu – nuvole di cenere (da cd ad est dei miei sogni)

(QUI SULLE NUVOLE)..penso che tanti nostri “problemi” siano nati dal fatto che abbiamo abbandonato “l’amico immaginario” che avevamo quando eravamo piccoli…quello a cui raccontavamo tutto, quello che sapeva tutto..quello che non ci giudicava ma era veramente nostro complice soprattutto negli sbagli, perchè alla fine personalmente ho bisogno di qualcuno che mi stia vicino quando so di non fare la cosa giusta e non mi voglia indirizzare di là..o di qua…ma mi segua sempre e comunque….l’abbiamo lasciato andare perchè abbiamo imparato a non credere alle cose impossibili, l’abbiamo perso perchè progressivamente abbiamo smesso di fare sogni genuini e sinceri…una volta guardavamo il cielo, adesso siamo guardinghi e abbiamo lo sguardo e le aspettative ad “altezza uomo”…..e così succede che ti imbamboli, te ne stai in un uno strano silenzio a  pensare per dopo uscirtene con un “mah…..”..in questi casi guardo verso lassù…dopo “chiudo gli occhi, batte il cuore e inizio a correre, con tutto il mondo che mi guarda e sembra ridere e poi un salto verso l’alto per riprendermi quei strani sogni nati solo per poi perdersi……”…li sopra comunque non ci sono risposte, anzi..si accumulano milioni di domande, ma non ci si sente soli perchè se guardi bene c’è qualcuno che è tornato a trovarti e …chiamateci pure pazzi! ..4tu ecco com’è nata la canzone “Qui sulle nuvole”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni” clicca qui per ascoltare la canzone: qui sulle nuvole>

Nov 22, 2011 - 4tu disco    No Comments

Nuvole di cenere (contentua sul cd “Ad est dei miei sogni”) 4tu ©

(Nuvole di cenere)..”capita”..e già quando si inizia così vuol dire che c’hai qualcosa dentro che non sai spiegare..e se di giorno magari questa cosa riesci a tenerla a bada lasciandola lì in un angolino di notte lei si prende la rivincita e no, non puoi più far finta di niente…arriva come una botta improvvisa e ha nomi diversi..nostalgia, paura, voglia di tutto e di niente, voglia di andare forse…di correre…di scappare…o di tornare….voglia di capire….e senza rendertene conto ti ritrovi con la macchina a girare a caso… “allungando la strada per fermare il tempo”…eh già, è il tempo di famigerati discorsi esistenziali che fatti con un po’ di musica di sottofondo e il rumore del paese fuori dal finestrino fanno un po’ meno paura…ti affronti a muso duro per trovare il problema insomma…ce la puoi fare, ne sei convinto, nulla è impossibile quando hai come complice la notte che sembra quasi assecondarti in tutto…poi succede una cosa strana però, dalla radio senti una canzone, alzi il volume e inizi cantare e..e..e…ti ritrovi a casa…”lei” ti ha fregato di nuovo, ovviamente non hai risolto nulla, ma adesso non ci stai pensando…so solo che vai a letto con un sorriso indecifrabile sulla labbra e una melodia killer in testa….a domani, per una nuova battaglia….4tu

ecco com’è nata la canzone “Nuvole di cenere”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”

clicca qui per ascoltare la canzone: Nuvole di cenere>

Nov 21, 2011 - 4tu disco    No Comments

C’era una volta c’era (brano tratto da “ad est dei miei sogni”)

(c’era una volta c’era)..è così che iniziano tutte le favole, c’era una volta…quelle che ci raccontavano da piccoli finivano tutte bene…certo, te lo facevano penare il lieto fine ma alla fine puntuale arrivava e spuntava un bel sorriso nel nostro viso che ci faceva prendere sonno tutti contenti…le favole che ci racconta la vita invece fanno PENARE E PENSARE e soprattutto sono sempre in costruzione…ecco perchè non ci dormiamo la notte..perchè spesso e volentieri le vogliamo pilotare, ci immaginiamo mille ipotetici finali…e invece di incominciarne un’altra di storia ci fissiamo sempre sulla solita…sempre su “quella”…..e pensiamo di saperla a memoria, ma ogni volta cambia!!!…e io vorrei raccontarvi la storia di un gruppo di amici…la notte ci si ritrova, si parla, di discute, ci si incazza…..c’è il sognatore che non vuole mettere la testa apposto e dice che un giorno cambierà il mondo..c’è il polemico che rompe le palle su qualsiasi cosa e non gli va mai bene niente, c’è il timido che cerca il grande amore e quello che invece vuole solo avventure…c’è chi a un certo punto scappa “devo andare a domani”…e ancora non si sa dove ogni volta va a finire..c’è quella che guarda il grande fratello e il giorno dopo si ordina un bel paio di labbra nuove…e lei che vuole solo una famiglia e qualcuno da amare….dentro ci sono anch’io , ascolto forse troppo, agisco forse poco…e alla fine mi ritrovo SEMPRE solo perchè di andare a dormire non ne ho mai voglia..DEL RESTO c’è sempre tempo per un’ultima cosa…qualsiasi nome abbia….ecco com’è nata la canzone “C’ERA UNA VOLTA C’ERA”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”

Nov 20, 2011 - 4tu disco    No Comments

Scusami se..(brano contenuto nel cd “Ad est dei miei sogni”) 4tu ©

(SCUSAMI SE)..ho perso il conto delle volte che ho chiesto scusa nella mia vita…sicuramente per alcuni saranno sempre troppo poche ma per me sono troppe e basta!..a essere sincero qualche volta l’ho fatto sinceramente e con CONVINZIONE ma spesso e volentieri solamente per CONVENZIONE…per fare andare le cose..per dire quello che altri volevano sentirsi dire.. e il senso di questa canzone è tutta in queste parole “perchè hai masticato ore di pensieri e libertà dentro una canzone che neanche sentirà…” già perchè c’è chi resiste e chi abbandona…i secondi scappano alla prima occasione, quando gli conviene..e i primi?beh..i primi farebbero di tutto per farli tornare…anche chiedere scusa per essere quello che siamo e questo forse è stato il nostro peggiore errore..ed è…perchè evidentemente mica lo capiamo tanto bene se ogni volta lo rifacciamo…se è amore non c’è gente che scappa, gente che resta, gente che inventa, gente che spera, gente che chiude porte, gente che ne scassina altre, gente che guarda una finestra e gente che ti illude per l’ennesima volta…perchè se è vero che l’amore è ballerino è vero anche che funziona solo se entrambi ballano vicino..così che lei ti possa sempre stringere la mano e tu guardandola negli occhi possa farle un’inchino…
ecco com’è nata la canzone “SCUSAMI SE”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”
clicca qui per ascoltare la canzone: Scusami se>

Nov 19, 2011 - 4tu libro    No Comments

P.S..(brano tratto dal mio cd “ad est dei miei sogni”) 4tu ©

(P.S.) a volte ho botte di nostalgia assurde..e se unite questa cosa al fatto che non butto mai via niente e nella mia testa c’è sempre spazio per qualcosa di nuovo e per qualcosa di vecchio immaginatevi che casino ci possa essere nella mia soffitta…ossia il luogo dove tengo “quello che è stato” e dove mi rifugio ogniqualvolta voglio ricordare, rivivere e indossare nuovamente quei sorrisi, quegli stati d’animo e quei momenti che non sono riuscito mai a cancellare del tutto…certo, alcune cose me le nascondo bene anche a me stesso perchè è meglio così…ma ci sono dei giorni in cui sono più segugio di altri..in uno di questi ho trovato una lettera già affrancata ma mai spedita…sarebbe cambiato qualcosa se l’avessi fatto?me lo sono chiesto spesso e la risposta (anche se non è troppo convinta l’ammetto)è che è stato giusto così…è inutile cercare di aprire una porta che qualcun’altro/a ha chiuso…sarebbe un forzare e io un ladro non lo sono…molto meglio scriverci una canzone e lasciarla lì all’ingresso ..parlerà lei per me…e dirà tutto quando e se quella porta si aprirà di nuovo….perchè d’ora in poi se devo “entrare” lo voglio fare solo dalla porta principale…ecco com’è nata la canzone “P.S.”..(tratta dal mio cd “Ad est dei miei sogni”clicca qui per ascoltare la canzone: P.S.a>

Nov 18, 2011 - Senza categoria    No Comments

Mi hanno detto che…(dal cd “Ad est dei miei sogni”)

“sei stanco? ti senti senza prospettive?vedi nero?…ti insegnamo noi a essere felice!” ecco cosa avevo tempo fa su un foglio pubblicitario stampato su un giallo ottimista e io che sono curioso, dopo essermi messo a ridere, sono andato a vedere il sito internet indicato….in sintesi ti dicevano che bisognava imparare a essere felici e fin qua nulla di male ma scrivevano anche che ce l’avrebbero insegnato loro con dei corsi mirati al pensiero positivo…(chissà quale sarebbe stata la colonna sonora!!!!ahahah)e in 10 “lezioni” circa il sorriso sarebbe tornato! i metodi? un po’ di religione spudoratamente mascherata, qualche lavaggio del cervello anch’esso mascherato, un bel po’ di pensieri di maestri dai nomi difficili da pronunciare..e senza neanche rendertene conto saresti diventato diverso, pronto per affrontare una nuova vita…(o a vendere assicurazioni o folletto  stressando parenti e amici..)io che nel frattempo non avevo mai smesso di ridere sono diventato serio tutto d’un tratto….e mi sono detto che con il sorriso perenne e ebete addosso non starei decisamente bene…preferisco tenermi i miei sbalzi d’umore lunghi come montagne russe non omologate e sentire quella paura fottuta quando ti senti in salita e non sai cosa succederà dopo perchè so che prima o poi ci sarà anche una discesa e la sensazione di alzare le mani al cielo e dire “adesso non mi ferma nessuno”…nessuno potrà mai insegnarmela…ecco com’è nato il monologo “Mi hanno detto che”..(tratto dal mio cd “Ad est dei miei sogni”)

clicca qui per ascoltare il monologo: Mi hanno detto che..