Mag 9, 2019 - Senza categoria    No Comments

“Alle future mamme” di Fortunato Cacco (4tu) (video che dedico a tutte le donne in dolce attesa)

Una poesia recitata d’amore dolcissima che voglio dedicare a tutte le future mamme, un video d’amore per le mamme in dolce attesa e tutte le donne che vogliono fortemente avere un figlio/a, canzoni da dedicare alle mamme che aspettano un bimbo
“Alle future mamme” di Fortunato Cacco (4tu) dal cd “4tu – i monologhi vol 27”

Testo : “A tutte le future mamme io voglio dire grazie …un grazie con un grandissimo punto esclamativo perché se è vero che la vita  colleziona sempre più punti di domanda loro rispondono con futuri nuovi abbracci, futuri nuovi sorrisi, futuri nuovi pensieri, future nuove dolcezze…future nuove risposte…che magari non saranno giuste eh anzi magari incasineranno ancora di più il mondo ma almeno..ci proveranno a cambiarlo….
A tutte le future mamme io voglio dire grazie..un grazie fiero e forte…perché sicuramente il loro figlio o figlia lo hanno fortemente voluto, desiderato, aspettato, sperato contro tutto e contro tutti…..contro chi magari diceva che non erano adatte, troppo giovani o troppo vecchie….o semplicemente giudicate diverse…
A tutte le future mamme io voglio dire grazie …un grazie rumoroso……già io spero che anna, filippo, marco, loriana,alice o michele..io non so che nome gli o le darete..…io spero che facciano talmente tanto casino da svegliare il mondo..…….perchè è quando abbiamo smesso di gridare , di farci sentire, di attirare l’attenzione di dire…siamo qui ..è allora che siamo cambiati….è quando abbiamo accettato il mondo e le sue regole e siamo diventati silenziosi .. è allora che abbiamo smesso di crederci…….siamo diventati forse più egoisti….ecco ai vostri figli io auguro che questa cosa non succeda mai……..gridate ragazzi, gridate ragazze…sempre e comunque!!!!”Alle future mamme

“Alle future mamme” di Fortunato Cacco (4tu) (video che dedico a tutte le donne in dolce attesa)ultima modifica: 2019-05-09T12:08:32+02:00da musica4tu
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento